Monthly Archives: dicembre 2011

Compra il libro Chollima Football Fans per sostenere il gruppo di ricerca e il blog Chollima Football Fans!

Compra il libro Chollima Football Fans per sostenere il gruppo di ricerca e il blog Chollima Football Fans!

Argomenti trattati nel libro:
Mondiali 1966, 2010;
Games of the New Emerging Forces GANEFO 1963, 1967;
Torneo Olimpico 1972;
Coppa delle nazioni asiatiche comuniste;
Torneo Internazionale di Pyongyang;
Spartakiadi degli eserciti amici;
Giochi della gioventù comunisti;
Coppa d’Asia 1980, 1992, 2011;
Tournee in Unione Sovietica;
Tornei giovanili e femminili;
Campionato RPD Corea;
Tutte le esperienze dei giocatori coreani in Europa;
l’epopea di Kim Yong-Ha, coreano sulla panchina di Cuba
e molto altro…

109 pagine + 43 pagine di appendice fotografico

La concezione dello sport in RPD Corea

Cosa rappresenta per la Corea Popolare il calcio e più in generale lo sport?

In Corea lo sport non ha raggiunto il livello di mercificazione dell’atleta che c’è in occidente. Rispondendo ad un giornalista italiano Pak Doo-Ik disse “Venderei un mio calciatore ad una squadra italiana? Da noi non si vendono le persone”. Essendo ancora un paese socialista, il dilettantismo degli atleti è ancora un punto fermo e il carattere formativo ed educativo dello sport è preponderante rispetto alla ricerca del spettacolo e del mero risultato finale. Una cosa mi piace evidenziare: fra le notizie sportive che la KCNA, l’agenzia di stampa ufficiale di Pyongyang, rilascia in Occidente ci sono, ovviamente, i risultati di prestigio ottenuti dagli atleti nazionali, ma non solo: spesso leggiamo celebrazioni dei “maestri dello sport”, allenatori di squadre giovanili e squadre minori, tecnici federali, ai quali vengono riconosciuti i meriti nella formazione dei giovani talenti. Queste notizie, confrontate a quelle che passano sui giornali sportivi italiani, dominati da sole celebrazioni dei grandi campioni e dei grandi allenatori, evidenziano chiaramente la differenza che intercorre fra la nostra e la loro concezione dello sport.

tratto da intervista a Marco Bagozzi,
http://www.eurasia-rivista.org/intervista-a-marco-bagozzi-autore-de-con-lo-spirito-chollima/12444/

Player says N. Korean soccer undaunted by World Cup qualifying results

Player says N. Korean soccer undaunted by World Cup qualifying results

By John Duerden
Contributing writer
SEOUL, Dec. 9 (Yonhap) — It was just a year and a half ago that North Korea made international headlines at the 2010 World Cup, making its first finals appearance in 44 years and holding five-time champion Brazil to just a one-goal difference in their first round match.

This time, the team failed to qualify for the 2014 tournament. But its midfielder An Yong-hak is sure that with a bunch of promising young players, it will not have to wait quite as long to return to the tournament.

Dreams of the 2014 World Cup in Brazil ended on Nov. 11 in Uzbekistan. The consolation came four days later, with some 80,000 fans watching, with a 1-0 win over Asian champion and rival Japan in Pyongyang, even if it was too little too late in terms of 2014. Three defeats in the previous four games in Group C meant the host was playing for pride only.

An, a mainstay for almost a decade, said the drop in results was simple to explain. “After the World Cup in South Africa, we brought in a lot of new players,” said An, who plays his club soccer for Kashiwa Reysol in Japan, in a recent interview.

“Around half the team was changed and five or six young players joined the team. The problem we had was just one of preparation. We didn’t have enough time to prepare and get our teamwork up to scratch. All the new players are very good, but we just needed more time to play together,” he said.

Luck didn’t help, either. North Korea had been placed into a tough group with Japan, Uzbekistan and Tajikistan. The rule is that only the top two progresses to the final round of qualifications.

The road to Brazil started with the most difficult away match in Japan. After a hard-fought game in Saitama, a goal in the last minute gave the host a vital win. “We were so disappointed at that time,” recalled An. “It was the first game in qualification, and we were happy with how things were going and we would have been happy with one point. … The problem for us is that we had a man sent off and what was already a difficult game became more so and we were getting very tired.”

An Yong-hak (Yonhap file photo)

As expected, North Korea defeated the weakest team in the group, Tajikistan, in the second game, but the major damage was done by back-to-back 1-0 defeats at the hands of Uzbekistan, a fast-improving team in Central Asia.

It is not hard to see what the problem is. There is no doubt that North Korea is a defensive team. In 14 group games in qualification for the 2010 World Cup, the team conceded just five goals. Even in the five games in the third round of qualification for 2014, it conceded only three but scored just twice.

“Compared to the 2010 World Cup, we play more attacking football now,” said An. “We have more attacking players and often we play 4-4-2 and look to get forward as much as we can. Sometimes we play 5-4-1 as we did in Uzbekistan.”

An called the home game against Uzbekistan the turning point for the North Korean team. “We had lots of chances but missed them all,” he said. “We were all very disappointed. If we had won that game, we would have been OK… I probably won’t understand just how much we’ve lost until I watch the final round of qualifiers and the tournament itself on TV.”

Uzbekistan midfielder Server Djeparov, who appeared in both games, felt that while his team deserved to win, he admitted that North Korea has skills.

“North Korea is not an easy team to play against as it is very well-organized and plays defensively, up to scratch,” said Djeparov, who spent part of the 2010 and 2011 K-League season with FA Seoul. “After we scored in each game it became easier as the opposition has to change its usual playing style and become more aggressive. These games are never easy.”

The only bright point of the campaign for North Korea came in a home win against Japan. “Although we were out and Japan had already qualified for the final round, this was not a friendly game. We were under lots of pressure to win this game,” said An. “It was a very difficult game and mentally we felt the burden, but we kept going and all the players gave everything and while Japan came at us, we defended well. There is a little regret about how differently things could have turned out if we had managed to do that from the beginning.”

The way forward for North Korea could be in its policy of trying to send more of its young players overseas to gain international experience. In addition to Jong Tae-se in Germany with Bochum, there are two players in the Danish second division, one in Russia and two in Switzerland. This greater international experience should stand the team in good stead, according to An.

“I think that as I am old and we have lots of young players, it is time to support the team rather than play on it,” he said. “We have many young players now on the national team. They are very good and there is a bright future for the team. Many of them played against Japan and when they were able to defeat the Asian Champions they got a lot of confidence from that win and are ready to move to the next level.”

[email protected]

 

Rim Chol Min: un altro coreano al Wil FC

L’attaccante Rim Chol Min è il nuovo acquisto del Wil FC.

Nato il 24 novembre 1991, ha partecipato come capitano al Mondiale Under-17 del 2007, dove ha segnato 2 reti.

In Corea giocava nel Rimyongsu.

Axel Thoma, direttore tecnico del Wil, ha dichiarato:
“Con i giocatori è molto facile da lavorare, perché abbiamo avuto solo esperienze positive, e tutto ciò che viene detto sono stereotipi. E’ più difficile lavorare con l’Associazione Calcistica della Corea del Nord, dove le cose funzionano in modo diverso solo del nostro. Cha Jong Hyok, il terzino destro giocare è infortunato al momento. Con Rim Chol Min come abbiamo già firmato in estate, ma abbiamo dovuto aspettare diversi mesi fino a quando è venuto da noi”.

E’ il quarto coreano che giocherà nel Wil dopo Kim Kum-Jin, Cha Jong-Hyok e Pak Kwang-Ryong.

Sportspersons Honored with Title of People′s Athlete

Sportspersons Honored with Title of People′s Athlete

Pyongyang, December 8 (KCNA) — An estimated 200 sportspersons have won the title of People’s Athlete in the DPRK over the past 45 years since the Presidium of the Supreme People’s Assembly issued a decree on the institution of the title in Juche 55 (1966).

Sin Kum Dan and Pak Doo Ik were the first in the country to take the title.

Sin set new world records eleven times in international track-and-field tournaments, bagging many gold medals, while Pak played a big role in the DPRK team’s defeat of the Italian team in the 8th World Cup.

Afterwards, a lot of sportspersons were honored with the title after scoring good results in international tournaments.

Pak Yong Sun won the women’s singles of the World Table-tennis Championship two times, Ku Yong Jo took a gold medal in men’s boxing event of the 21st Olympic Games and Ri Ho Jun renewed the world record in men’s shooting event of the 20th Olympic Games.

Jong Song Ok won women’s marathon of the 7th World Track-and-Field Championship and Kye Sun Hui took four gold medals in world judo championships. Kim Il, Pae Kil Su and Ri Song Hui also won gold medals in Olympic games and world championships.

Hong Chang Su, Jong Tae Se and An Yong Hak, Koreans living in Japan, were also honored with the title of People’s Athlete.

Kim Chun Phil, Choe Kwang Sok and other competent coaches are also winners of the title.

 

Pak Doo Ik

 

Con lo spirito Chollima: come acquistare il libro

Sommario del libro:

Prefazione di Paolo Piu
Introduzione
Le Origini
Un cammino lungo 55 anni
Albo d’oro
La formula del campionato coreano
Kim Yong-Ha, un coreano sulla panchina di Cuba
Lo sport e l’Unità coreana
Appendice Fotografico
Sitografia, filmografia e bibliografia consultata e consigliata

Prezzo di copertina 14,00€

Sconti:
12 € per i tesserati della Korean Friendship Association e gli abbonati di Eurasia

Sconto 40% per chi ordina più di 5 libri

Per ordinare il libro scrivere una mail a [email protected]

Modalità di pagamento:

– Bonifico Bancario: IBAN IT 97 U 03075 02200 CC0010292530 intestato a Marco Bagozzi (codice BIC-SWIFT per le transazioni internazionali BGENIT2T)
– Transazione con paypal a [email protected]
– Ricarica carta prepagata Cartasì 5267424540593018
– Ricarica carta postapay 4023 6006 2116 5499 intestata a Marco Bagozzi

Generazione di Talenti: Pak Kwang Ryong

Generazione di Talenti è un sito completamente dedicato alle giovani promesse del calcio internazionale.

Con il profilo di Pak Kwang Ryong, inizia la nostra collaborazione al portale.

http://www.generazioneditalenti.com/2011/12/pak-kwang-ryong-1992-corea-del-nord.html

PAK KWANG RYONG – 1992

Questo ragazzone (188 cm per 83 kili) è l’uomo della prima volta: entrando al 94esimo di Basilea-Otelul Galati, il 14 settembre scorso, è stato il primo nordcoreano a giocare la Champions League. Ha bissato questa impresa il giorno del suo diciannovesimo compleanno (nato a Pyongyang il 27 settembre 1992) giocando una decina di minuti addirittura all’Old Trafford, contro il Manchester United, infiammando i suoi “fans” per il duello al confine del 38esimo parallelo con Park Ji-Sung.

Inizia a giocare in patria con il Kigwancha, la squadra delle ferrovie (il Lokomotiv, per intenderci, del vecchio blocco socialista), dove si impone subito come uno dei talenti più puri della Corea popolare.
A soli 15 anni è convocato per partecipare al Mondiale under-17 che si gioca in SudCorea. Nel primo girone parte da titolare nelle prime due sfide (contro Inghilterra e Brasile) e gioca poco meno di un tempo nella sfida decisiva contro la Nuova Zelanda. Entra dalla panchina anche nella partita degli ottavi contro la Spagna di Bojan Krckic, che supera i coraeni 3-0. Pak, nonostante la giovanissima età, suscita buone impressioni, in particolare per il fisico già importante. Ma a brillare nella squadra coreana sono altri giocatori come An Il-Bon e Ri Myong-Jun, entrambi passati attraverso una breve esperienza europea (il primo in Serbia, in una serie minore, il secondo tra Lettonia e Danimarca).

A 17 è convocato in una nazionale Under-23 sperimentale che prende parte ai Giochi Est Asiatici, dove segna il primo gol in nazionale nella vittoria per 8-0 contro Macau. Si ripete pochi giorni dopo nella semifinale contro Hong Kong, conclusasi con la sconfitta ai rigori, dopo l’1-1 dei tempi regolamentari. Nella finalina 3-4° posto i nordcoreani sono superati dai “cugini” sudcoreani ai rigori.
Le ottime prestazioni di Pak gli aprono le porte della nazionale maggiore: l’esordio si registra nella Challenge Cup 2010 (coppa organizzata dall’AFC che vede la presenza delle cosiddette nazionali emergenti) nella partita contro il Turkmenistan, il 17 settembre. Due giorni dopo mette a segno anche la prima rete, contro il Kyrgyzstan, 4-0, partita in cui è partito da titolare. Nella manifestazione ha poi giocato altre due partite, la semifinale contro il Myanmar e la finale contro il Turkmenistan, dove ha giocato una grande cara fornendo diversi assist ai compagni, grazie alle sue sponde di testa. La RPDC ha poi centrato la vittoria finale, in seguito alla lotteria dei rigori.

La nazionale maggiore si stava preparando per i Mondiali sudafricani, dove Kim Jong-Hun, l’allenatore coreano, ha portato il gruppo storico, sacrificando i giovani come Pak. Pak rientra in nazionale ai Giochi Asiatici, giocati in Cina, dove, con la nazionale under-23 è arrivato ai quarti di finale, segnando una rete. A gennaio sbarca in Svizzera grazie al talent scout Karl Messerli (l’agente dei nordcoreani), dove è tesserato dalla società di Challenge League (la serie B elvetica) Wil FC. In squadra trova il terzino destro Cha Jong-Hyok (non più giovanissimo, 26 anni, ma un altro da tenere d’occhio). Nei primi 6 mesi, però, non può giocare per problemi relativi al permesso di soggiorno ed è obbligato a scendere in campo solo nelle amichevoli infrasettimanali. Le buone prestazioni, però, attirano l’attenzione degli osservatori del Basilea, che intrattiene ottimi rapporti con la squadra di Wil. Thorsten Fink, l’ex centrocampista della nazionale tedesca, allora allenatore del Basile si innamora di questo giocatore e decide di portarlo nella sua squadra, convocandolo subito in prima squadra, nonostante la giovane età e la mancanza di esperienza. Pak diventa la terza scelta per l’attacco dopo gli inamovibili “idoli di casa” Alex Frei e Marco Streller, stelle del Basel, usciti dalla cantera del club elvetico. Pak inizia alla grande nelle amichevoli estive segnando a ripetizione, timbrando il tabellino anche nella partita, valida per l’UhrenCup, contro il West Ham.
L’esordio in campionato è automatico: subentra all’86esimo nella prima sfida della stagione contro lo Young Boys. Da quel momento in poi Pak viene utilizzato con frequenza da Fink, pur partendo sempre dalla panchina. L’inizio di campionato del Basile non conferma le attese e spesso Pak viene lanciato nella mischia durante la partite con risultati da recuperare nei minuti finali. Non è però la situazione adatta per un “marcantonio” come lui.

Diverso è l’esordio nella The NextGen Series, la Champions League Under-19: segna una rete e sforna un assist nella partita contro il Tottenham, prima che il Basile venga raggiunto sul 2-2.
Pak timbra anche il cartellino in prima squadra con una doppietta nella sfida di Coppa di Svizzera contro l’Eschenbach, segnando addirittura due reti. Il 24 settembre gioca anche la prima partita da titolare in campionato, contro il Thun. La partita si conclude 1-1 e Pak colpisce una traversa con un imperioso stacco di testa. Il 17 ottobre, però, Thorsten Fink lascia la panchina del Basilea per allenare l’Amburgo, in Bundesliga. Il suo posto è preso dal suo assistente Heiko Vogel, che preferisce retrocedere momentaneamente Pak nella formazione Under-21. Pak mette a segno 6 reti nelle prime 4 partite e riconquista la prima squadre, giocando anche qualche minuto nella partita di Champions contro il Benfica.
Colleziona nel frattempo anche 3 partite nella nazionale nordcoreana nelle qualificazioni per il Mondiale 2014. Nonostante l’eliminazione dei coreani, Pak può essere considerato un vero eroe nel suo paese in quanto ha preso parte alla storica vittoria contro il Giappone del 15 novembre scorso, fornendo, grazie ad una delle sue “torri”, l’assist per il gol vittoria di Pak Nam-Chol. Segna anche un gol, inutile, nella sfida di qualificazione contro gli Emirati Arabi Uniti per le Olimpiadi di Londra: un rigore, completamente inventato dall’arbitro, qualifica infatti gli arabi.

Pak è il tipico attaccante torre, dotato di grande stazza. Ottimo nelle sponde, con le quali favorisce i compagni, può sfruttare tutta la sua forza fisica nelle mischie. Impegnato con le squadre minori mette in mostra anche un’ottima tecnica. Ancora da sgrezzare nei movimenti, non può che migliorare sotto il torchio della cantera del Basilea, da dove, negli ultimi anni, sono usciti Xherdan Shaqiri, Marco Streller, i fratelli Granit e Taulant Xhaka e Fabian Frei, asse portante della nazionale svizzera under-21 che ha raggiunto il secondo posto nel campionato europeo Under-21.
Fisicamente ricorda Mario Gomez, ma è decisamente meno “bomber”. Come movenze e disponibilità di sacrificarsi per il compagno di reparto ricorda lo svedese Kennet Andersson.

Lo spirito di sacrificio e la concentrazione negli allenamenti, oltre al basso costo sia di cartellino sia di “gestione” (per i nordcoreani ci si accorda direttamente con Pyongyang e gli stipendi sono decisamente bassi, al Wil prendeva poco più di 4 mila euro al mese, un’inezia), fanno di Pak un investimento interessante.

Marco Bagozzi

Jong Tae Se: ero dispiaciuto di non essere andato a giocare in Inghilterra

Chong Tese: „Ich war ein bisschen enttäuscht, dass ich nicht nach England gehen durfte“

EXKLUSIV – Chong Tese gehört ab sofort zum Kolumnistenkreis von Goal.com. Ein Nordkoreaner in der 2. Bundesliga – der Bochumer Stürmer berichtet über seine Abenteuer.

Bochum. Ich habe herausgefunden, dass die Schmerzen in meinem linken Fuß, die ich während der gesamten Saison in Deutschland hatte, von einem Meniskusproblem stammen, das durch die Operation in der spielfreien Zeit entstanden ist. In der Reha habe ich hart gearbeitet  und bin nach Deutschland zurückgekommen mit der festen Absicht, es hier in dieser Saison noch besser zu machen.

Ruhig bleiben konnte ich nicht, denn es gab die Möglichkeit zu wechseln. Ich war ein bisschen enttäuscht, dass ich nicht nach England gehen durfte, aber jetzt konzentriere ich mich zu hundert Prozent auf das Training. Ich verspreche, dass ich mein Bestes für Bochum geben werde.

Ich bin mir sicher, dass die Fans auf Takashi Inui, den Neuen bei Bochum, gespannt sind. Ich habe ihn in Japan nicht live spielen sehen, denn als ich noch da war, spielte er in der Zweiten Liga dort. Aber ich habe ihn im Fernsehen beobachtet und viel über ihn gehört. Er hat schon in seinem ersten Training bei uns seine Klasse bewiesen. An seinem zweiten Tag bei uns hat er einen Riesen-Tor mit einem Schuss beinahe von der Mittellinie gemacht. Und einen Tag später hat er zwei Tore nachgelegt, sodass es ziemlich leicht für seine Mitspieler war, ihn zu akzeptieren. Es waren zwar nur Tore im Training, aber das zählt auch in Europa, denn damit kann man den Trainer beeindrucken. Es freut mich für ihn, dass er schon so viel gezeigt hat.

Ich werde Inui hier so viel wie möglich helfen, denn er kann weder Deutsch noch Englisch. Aber zu viel möchte ich auch nicht mit ihm machen, denn das würde verhindern, dass er mit anderen Leuten redet. Besonders der erste Monat in einer neuen Umgebung ist sehr wichtig, denn die Mitspieler könnten sein Schweigen sonst falsch interpretieren und ihn als schüchtern abstempeln. Ich kann aber noch zugeben, dass ich schon für ihn bei mir zu Hause Japanisch gekocht habe.

Inui will Deutsch lernen. Hier ist Makoto Hasebe vom VfL Wolfsburg der einzige Japaner, der Deutsch spricht. Aber Inui könnte der zweite in der Rangliste werden.

Meine Form ist allgemein gut. Ich habe noch den Schmerz in meinem Knie nach der kleinen Operation ein wenig gespürt, aber es geht von Tag zu Tag besser. Jetzt arbeite ich hart und sage mir immer wieder, dass die nächste Saison die Beste für mich werden soll.

Für Bochum läuft es nicht besonders gut mit den Ergebnissen, ein Sieg, ein Unentschieden, zwei Niederlagen. Aber Inui gibt Anlass zur Hoffnung, denn er hat bei seinem Debüt in der letzten Woche gut mit seinen Kollegen zusammengespielt. Ich bereite mich auf meinen ersten Einsatz weiterhin vor.

Außerdem muss ich noch über die WM-Qualifikation reden. Mein Land Nordkorea ist in derselben Gruppe wie Japan. Das freut mich sehr. Ich hatte mir fest vorgenommen, irgendwann für das Nationalteam zu spielen, als ich vor sechs Jahren beim Quali-Spiel gegen Japan war. Ich habe das entscheidende Tor von Masashi Oguro von der Tribüne aus verfolgt – und mich wie ein hilfloser Student gefühlt. Seitdem hat sich viel bei mir verändert. In den sechs Jahren habe ich als Profi gespielt. Interessanterweise ist dieses Spiel im Saitama Stadion irgendwie der Wendepunkt in meiner Karriere.

Meine Schmerzen im Knie sind bald endgültig weg sind und ich kann wieder ohne Probleme spielen. Ich denke, dass es immer Schmerzen vor einem nächsten Schritt nach oben geben muss. Ich bin jetzt bereit, durchzustarten. Ich verspreche, dass ich in der nächsten Saison tolle Sachen zeigen werde.

fonte: goal.com