Tag Archives: dennis rodman; pallacanestro

World leaders shouldn’t let Rodman monopolize N. Korea engagement

World leaders shouldn’t let Rodman monopolize N. Korea engagement

Nile Bowie is a political analyst and photographer currently residing in Kuala Lumpur, Malaysia. He can be reached on Twitter or at [email protected]

As tension mounts on the Korean Peninsula ahead of annual joint US-South Korea military exercises that routinely generate condemnation from Pyongyang, it’s clear that high-level engagement from someone other than Dennis Rodman is sorely needed.

The bizarre friendship between former the NBA star and North Korean leader Kim Jong-un has been the subject of intense ridicule and debate following Rodman’s latest visit to Pyongyang. To mark the birthday of Kim Jong-un, Rodman organized a basketball match between retired NBA veterans and North Korean players, with the home side emerging as victors. The famously flamboyant Rodman was ridiculed for singing, “Happy Birthday” to Kim, but more so for his disastrous live interview with CNN, where the former slam-dunker struggled for coherency in a drunken stupor. Rodman issued an explanation for the interview shortly after claiming that he had too much to drink, and apologized for making insensitive statements about Kenneth Bae, the American evangelical activist arrested by North Korean authorities while on a trip as a tourist in 2012 over accusations that he incited citizens to overthrow the government in Pyongyang.

Rodman was deeply criticized for not doing enough to promote the plight of Bae, and for traveling to the country so shortly after the high-profile purge of Kim Jong-un’s uncle-in-law, Jang Song-thaek, who handled much of Pyongyang’s economic affairs and its trade relations with China.

Rodman has always been frank toward the media about how his trips to Pyongyang have no political objectives, but the less-apparent benefits of his “basketball diplomacy” tour are often lost on Western commentators.

North Korean citizens’ view of the world outside their borders has been shaped entirely by state media, which rarely reports on international news unless it plays into Pyongyang’s narrative. Rodman’s presence offers a genuinely rare state-backed cultural exchange with the United States that appeals to citizens of all age demographics, which can contribute to the softening of peoples’ opinions of Americans and Westerners that have otherwise been formed by highly potent anti-American themes prevalent in official propaganda.

Furthermore, the sight of an eccentric foreigner being embraced by the leadership may engender North Koreans to adopt a mildly positive view of the outside world with greater curiosity toward it. Despite Rodman’s public relations hiccups, the former athlete has done more to win the hearts of minds of average North Koreans than the Obama administration can ever hope to.

B-52s don’t do slam-dunks

Rodman’s ‘basketball diplomacy’ trips do not have the backing of the Obama administration, so it is unlikely that such exchanges can generate a political effect comparable to the “ping-pong diplomacy” of the 1970s between the US and China.

The Obama administration’s policy toward Pyongyang is one of so-called “strategic patience” that demands North Korea state its commitment to complete denuclearization as a precondition for any dialogue. Washington and Seoul have paid no heed to Pyongyang’s repeated calls to establish a peace treaty that formally ends the Korean War, and in the absence of diplomatic pragmatism that would give space to engagement, Pyongyang’s nuclear capabilities and missile delivery systems are becoming more sophisticated. Rodman’s position as Washington’s most critical diplomatic conduit to Pyongyang is a partially a result of thickheaded policy lines taken by conservative administrations in the US and South Korea that have proven to be impediments to dialogue and reconciliation by elbowing Pyongyang into a confrontational stance.

The Foal Eagle joint exercises conducted between the US and South Korea is one of the world’s largest annual military drills that focus on amphibious landing operations with extensive maritime, air, and ground maneuvers. During the 2013 drills, the US Air Force used B-52 strategic bombers for the first time, which are capable of delivering nuclear weapons.

Pyongyang viewed these measures as hugely provocative, essentially a dress rehearsal for the nuclear bombing and invasion of their country, and the international media rarely takes its stance into objective consideration. Rather than creating conditions for North Korea to integrate into East Asia at its own pace, such needlessly confrontation displays legitimize Pyongyang’s official rhetoric and allow it to maintain a siege-mentality. Pyongyang recently opposed efforts to organize family reunions with Seoul for families separated by the Korean War in protest over the joint exercises, and similarly rescinded an invitation to discuss Kenneth Bae’s situation to US human rights envoy Robert King specifically to protest the use of B-52 bombers in last year’s exercises.

Preconditions & preemptive strikes

Kim Jong-un’s recent New Year’s address emphasized constructive economic development and directly called for improved relations with South Korea. The response from Seoul was lukewarm, as President Park Geun-hye spoke of creating an atmosphere for peaceful reunification in highly vague terms, saying that Pyongyang should first show its sincere attitude toward the denuclearization as a precondition before entering the dialogue phase. In other words, Park Geun-hye’s failure to send a positive response to Kim’s reconciliatory gesture signifies her administration’s commitment to the highly volatile status quo, which results in guaranteed backing of her government by the US military. Washington also stands to gain secondary benefits from the status quo by playing up the “North Korean threat” to justify boosting its military presence in the region, in addition to brokering lucrative defense deals with its regional allies. Washington and Seoul’s preference for the status quo is clear in its insistence on unrealistic preconditions that North Koreans find humiliating and against their legitimate national security interests.

Two senior American diplomats penned a column in The New York Times last year after several unofficial meetings with senior North Korean officials, who offered to consider a phased approach to denuclearization in exchange for a peace treaty with the US and South Korea and the lifting of economic sanctions. The authors alluded to how the Obama administration’s position on preconditions-for-talks has become counterproductive, stating, “Whatever risks might be associated with new talks, they are less than those that come with doing nothing.” Despite the opportunity for talks, the only efforts taken by Washington and Seoul have been to further entrench security policies that infuriate Pyongyang and force it into an aggressive posture. South Korea’s Defense Ministry approved a preemptive strike doctrine last year that allows Seoul to employ conventional strikes, missile defense capabilities and the American nuclear umbrella for preemptive strikes on North Korea, while the US Air Force announced that it would begin flying surveillance drones near North Korea’s borders to gather intelligence data.

Direct engagement with Kim Jong-un

Seoul and Washington’s policies have not yielded any tangible benefits and serve to weaken the likelihood of the six-party talks commencing. Contrary to the doom-and-gloom forecasts of most analysts following the purge of Jang Song-thaek, the political situation in Pyongyang has proved to be rather stable and there is little technical evidence to show that Pyongyang is preparing for another imminent nuclear test or provocation.

Since coming to power in 2011, Kim Jong-un has maintained social stability and has worked to gradually improve living standards through increased emphasis on economic, cultural and social development, with a focus on improving the conditions of women and children. He has also carried forward a handful of politically and strategically significant changes, including reforms of the agricultural sector, that involve reducing collective farm sizes and allowing farmers to hold on to output beyond their production quotas.

Efforts are also being made to decentralize economic decision-making in provinces and enterprises, including measures to allow enterprise managers to retain a surplus and form joint ventures with registered investors. There are indications that Pyongyang is also making greater efforts to ease market access to its special economic zones. Kim has overseen something of a construction boom in various parts of the country, and there is a level of economic well-being emerging that has not been seen since the fall of the Soviet Union. A keen sense of perspective is needed when dealing with North Korea, and as economic reform gains momentum, all parties should encourage legitimate economic exchange as a basis for reconciliation. Chinese state-media recently called for Kim Jong-un to visit Beijing to promote bilateral friendly ties, a visit which is expected to take place this year.

The most effect way for North Korea’s issues to be addressed is through Beijing and also Moscow taking the initiative to pursue high-level engagement directly with Kim Jong-un to get a greater sense of the young leader’s objectives and priorities, and the domestic political situation.

The statements, views and opinions expressed in this column are solely those of the author and do not necessarily represent those of RT.

Il terzo viaggio di Rodman in RPDC

Nba, Dennis Rodman torna in Corea del Nord per una partita di basket

PYONGYANG, 20 dicembre 2013

The Worm di nuovo nel paese asiatico: vuole regalare al leader Kim Jong Un per il suo compleanno il prossimo 8 gennaio una partita speciale con 12 ex stelle Nba

L’ex stella Nba Dennis Rodman è arrivato in Corea del Nord per incontrare il leader Kim Jong Un e definire gli ultimi dettagli sul progetto di portare 12 ex giocatori Nba a Pyongyang per una partita speciale l’8 gennaio, il giorno del compleanno del leader. Rodman ha dichiarato che la partita si farà, nonostante la recente esecuzione dello zio di Kim durante una drammatica operazione di purga politica. La visita di Rodman arriva a poco meno di una settimana dall’annuncio della Corea del Nord dell’esecuzione di Jang Song Thaek, una caduta senza precedenti per una delle figure più potenti del paese. L’esecuzione di Jang ha dato adito a dubbi da parte degli esperti stranieri sulla tenuta futura del regime di Kim. Tuttavia, le autorità di Pyongyang dichiarano che la rimozione di Jang non ha causato alcuna instabilità. La visita di Rodman, se non dovesse succedere niente di rilevante, potrebbe essere un segno del fatto che Kim ha ancora il pieno controllo della situazione.

l’amico di kim — Rodman ha dichiarato alla Associated Press di non essere minimamente preoccupato dagli ultimi fatti di politica nel paese. “Non posso controllare cosa fa questo governo, non posso cambiare il loro modo di dire o fare le cose. Sono venuto in qualità di personaggio del mondo dello sport e spero di aprire le porte a molta gente in questo paese”. Rodman e Kim hanno stretto un’improbabile amicizia da febbraio, quando l’Hall of Famer ha visitato per la prima volta la Corea del Nord insieme agli Harlem Globetrotters per una serie tv. Il giocatore è lo statunitense più in vista ad aver incontrato Kim da quando questi ha ereditato il potere dal padre, Kim Jong Il, nel 2011.”Sono venuto a trovare il mio amico, ma la gente pensa male di me quando lo dico – dice Rodman -. Sono molto orgoglioso nel dire che lui è mio amico, anche perché, in realtà, non ha fatto niente per ostacolare o dire cose negative sul mio paese”. Rodman non ha ancora annunciato i roster per la partita. Si ritiene che durante la sua visita a Pyongyang allenerà i giocatori nordcoreani e si incontrerà con Kim, anche se non ha fornito alcun dettaglio sui suoi piani. Il giocatore, tuttavia, ha dichiarato che nel caso in cui le 12 ex stelle dell’Nba, diranno “cose molto molto belle su questo paese” al loro ritorno in patria, allora potrà dirsi soddisfatto del suo lavoro.

scomodo — Famoso tanto come giocatore di basket quanto per i suoi piercing, i tatuaggi e il brutto comportamento, Rodman ha sempre evitato di toccare il tasto della politica nelle sue relazioni con la Corea del Nord. L’ex giocatore si è sempre concentrato sul basket come mezzo per promuovere la comprensione e la comunicazione e ha sempre meticolosamente evitato di parlare dei diritti umani in Corea del Nord o della detenzione, ormai da tempo, del connazionale Kenneth Bae, accusato di commettere crimini contro la nazione. “La Corea del Nord mi ha dato la possibilità di portare questi giocatori e le loro famiglie qua e qui di le persone, questi giocatori, possono vedere che, in realtà, le cose qua non sono cos’ male come raccontano i media”, dice. A Washington, il Dipartimento di Stato ha preso le distanze da Rodman e ha reiterato le preoccupazioni degli Stati Uniti suoi diritti umani e sul programma nucleare della Corea del Nord. “La nostra attenzione non è su un ex giocatore Nba di qualche anno fa che decide di fare un viaggio in Corea del Nord, ma piuttosto sulla brutalità del governo nordcoreano, sulle sue continue violazioni del diritto internazionale. A noi importa questo, non chi sia o cosa stia facendo Dennis Rodman”, dice la Harf. Tuttavia, la portavoce ha poi dichiarato che il dipartimento sarebbe disposto ad ascoltare Rodman dopo il suo ritorno.

nba.com© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Le immagini: http://www.ilpost.it/2013/12/20/lallenamento-dennis-rodman-corea-del-nord/dennis-rodman-5/

I precedenti viaggi:
Una nuova “diplomazia del basket”
Considerazioni sulla seconda visita di Rodman in RPDC

Considerazioni sulla seconda visita di Rodman in RPDC

Considerazioni sulla seconda visita di Rodman in RPDC

di Marco Bagozzi, Stato & Potenza

Arrivato all’aeroporto di Pechino, Denis Rodman ha risposto a muso duro ad alcuni giornalisti che lo interrogavano in merito alla richiesta di rilascio di Kenneth Bae: «non è il mio lavoro. Dovete chiedere a Hilary Clinton o a Barack Obama». Per quanto scontata e ovvia la risposta dell’ex campione NBA, la grancassa mediatica si è già scatenata sul fallimento diplomatico di Rodman, che nei mesi scorsi era stato elevato al rango di “diplomatico di primo livello” (etichetta cavalcata, bisogna dirlo, dallo stesso Rodman, che non ha mai fatto dell’umiltà la sua caratteristica principale…), dagli stessi giornalisti che ora lo sbeffeggiano.
Che la trattativa sul rilascio di Kenneth Bae (ma cosa ci faceva in Corea? L’accompagnatore di investitori cinesi? La guida turistica? Il missionario? Molte versioni e un’unica certezza: se ci sono di mezzo Amnesty International, le chiese evangeliche americane e Asia News c’è poco da fidarsi…), spetti alle diplomazie dei due paesi, sembra fin troppo ovvio e solo dei dilettanti della diplomazia internazionale possono pensare che l’“influenza” di un personaggio celebre possa annullare una grave condanna, come quella che ha colpito Bae per “atti contro il governo”, tanto più che se anche un colloquio informale possiamo pensare che sia intercorso non bastano poche parole per superare un impasse diplomatico che dura da più di mezzo secolo (e ogni altro riferimento agli sproloqui dell’onorevole Antonio Razzi è puramente casuale).
Il dubbio, quindi, è che la vicenda sia stata volutamente pompata a priori dai media, sfruttando il forte egocentrismo di Rodman, per poi ridicolizzare la visita e il (scontato) fallimento delle doti diplomatiche dei principali protagonisti, Kim Jong-Un e Rodman.
Al netto della notizia della nascita della primogenita del Leader coreano, Ju-Ae, le novità più concrete sono i prossimi passi di Rodman per agevolare la crescita della pallacanestro coreana, campo nel quale, al netto di stravaganze, egocentrismi e quant’altro, il tatuato ex cestista può offrire un apporto di primaria importanza, forte dei 5 titoli NBA conquistati in carriera.
I prossimi appuntamenti rimandano a dicembre, quando Rodman sarà nuovamente a Pyongyang per selezionare una squadra coreana che si incontrerà in due partite di esibizione che si giocheranno l’8, compleanno di Kim, e il 10 gennaio 2014, contro una selezione di ex-stelle NBA, tra le quali dovrebbero essere presenti Scottie Pippen e Karl Malone. Attraverso queste sfide, sempre secondo le parole di Rodman, verranno gettate le fondamenta della squadra nazionale, che guidata dallo stesso Rodman (anche se la notizia non è stata ancora confermata dalla KCNA), dovrebbe essere impegnata nelle  qualificazioni a Rio 2016, anche se l’impegno più probabile sono i Giochi Asiatici 2014 che si svolgeranno a Incheon, in Sud Corea, vista l’impossibilità di una qualificazione olimpica, laddove per le squadre asiatiche è riservato un solo posto (oltre ad un secondo nel torneo di qualificazione). L’appuntamento sudcoreano è infatti molto sentito dal CIO di Pyongyang, viste le recenti aperture tra i due paesi che hanno coinvolto anche eventi sportivi con le calciatrici del nord ospitate a Seul per la Coppa Estasiatica e con i sollevatori del peso del sud ospitati a Pyongyang per il Campionato Asiatico (con il governo del nord che ha permesso, per la prima volta nella storia, di issare la bandiera sudcoreana e di intonare l’inno in caso di vittoria degli atleti del sud). Inoltre un accordo su Incheon è un punto di partenza importante per il progetto nordcoreano di coorganizzre le Olimpiadi invernali assegnate a Pyongchang nel 2018.
In Corea, Rodman è stato ospite di Kim Jong-Un ad una cena e ha visionato una partita tra l’Amnokgang e il 25 Aprile, rispettivamente la squadra del ministro degli interni e dell’Esercito Popolare.
Come riportato dalla KCNA l’obiettivo del viaggio di Rodman a Pyongyang è «contribuire a stimolare le attività sportive e lo scambio culturale con la RPDC».

Kim Jong Un Meets Ex-NBA Star and His Party

Pyongyang, September 6 (KCNA) — Supreme leader Kim Jong Un met ex-NBA star Dennis Rodman and his party on a visit to the DPRK.
He warmly greeted them and had a cordial talk with them.
Warmly welcoming Dennis Rodman visiting the DPRK again as a friend in a good season, Kim Jong Un told him that he might visit the DPRK any time and spend pleasant days, having a rest.
Saying he feels very grateful to Kim Jong Un for sparing a precious time to meet him and his party despite his tight schedule, Dennis Rodman said this is an expression of good faith towards the Americans.
He said that he was fortunate to revisit the DPRK as he has friendly relations with broad-minded Marshal Kim Jong Un. Dennis Rodman evinced his will to contribute to boosting diverse sports and cultural exchange with the DPRK.
He presented Kim Jong Un and his wife Ri Sol Ju with a gift he prepared with the deepest respect for them.
Kim Jong Un, together with him and his party, watched a basketball match between the April 25 Team and the Amnokgang Team.
Kim Jong Un hosted a dinner for Dennis Rodman and his party.
Expressing his heartfelt thanks to Kim Jong Un for spending a lot of time for him and his party and according them the warmest hospitality, Dennis Rodman said he would remember this visit as an unforgettable beautiful memory all his life.

Dennis Rodman torna in Corea del Nord: visita ad un amico o missione diplomatica?

Dennis Rodman torna in Corea del Nord: visita ad un amico o missione diplomatica?

Anche se dice di non essere un diplomatico, l’ex campione dei Chicago Bulls Dennis Rodman è sceso di nuovo in campo per avvicinare Stati Uniti e Corea del Nord. Sarà una coincidenza, visto che pochi giorni fa è stata cancellata una visita ufficiale che l’amministrazione Obama aveva programmato da tempo, con l’invio del suo delegato speciale per i diritti umani Bob King, l’ex star della Nba è atterrato ieri a Pechino, destinazione Pyongyang, per incontrare di nuovo il giovane dittatore Kim Jung un. Intervistato durante lo scalo, Rodman ha detto che “cercherà di creare un ponte” tra i due Paesi, e che ha in programma una cena con il leader nordcoreano stasera o domani.

Quando poi i giornalisti (fonte Financial Times) gli hanno chiesto se intende fare pressione per la liberazione di Kenneth Bae – il cittadino americano di origini sudcoreane condannato da Pyongyang a 15 anni di lavori forzati, motivo scatenante della rottura con gli USA – Rodman ha risposto: “Non sono un diplomatico, sono sono qui per trascorrere del tempo con lui e la sua famiglia”. Eppure, pochi giorni dopo la condanna a Bae, a inizio luglio, l’ex campione aveva fatto sentire la sua voce su Twitter chiedendo al leader politico “il favore di rilasciare Kenneth Bae”.

E già qualcuno pensa che Rodman possa avere nella vicenda un ruolo più o meno simile a quello che nella Crisi di Cuba tra USA ed URSS del 1962 ebbe un cittadino sovietico, Aleksandr Formin: le storie infatti si assomiglierebbero. Da anni residente negli Stati Uniti, ma amico di lunga data di Nikita Kruscev, Formin fu decisivo nella trattativa segreta con John Fitzgerald Kennedy per il ritiro dei missili da Cuba, allora fresca di rivoluzione castrista. Una situazione quasi identica per Rodman, che per quanto abbia conosciuto il leader nordcoreano soltanto lo scorso febbraio, il suo personaggio eccentrico, coperto di tatuaggi e con alle spalle una relazione con la cantante Madonna – ha incuriosito e interessato da subito il capo di uno degli ultimi regimi dittatoriali rimasti nel globo. Tanto da dedicargli una partita amichevole di basket e una serata di festa a palazzo.

Dopo quel breve soggiorno, Rodman ha assicurato di aver trovato “un amico per la vita”, un interlocutore con cui – secondo Daniel Pinkston dell’ International Crisis Group – Rodman può parlare, avendo un certo ascendente.

Sarà così?

Fonte: Basketinside

La precedente visita di Rodman: Una nuova “diplomazia del basket”